Centinaia di milioni di anni fa il Gargano era una isola ricoperta da foreste poi dalla unione con la terraferma naque lo sperone di Italia


Il Parco Nazionale del Gargano è uno dei luoghi piu belli d'Italia, per la varietà di paesaggi e conseguentemente di habitat naturali, unici nel loro insieme. Include deliziosi paesini caratterizzati dalle tipiche casette bianche locali, suggestivi laghi, affascinanti formazioni rocciose, lunghe spiagge e le limpidissime acque dell'Adriatico, più volte insignite della Bandiera Blu.

All'interno del Gargano, che è il promontorio piu grande di tutta la penisola italica, si trova pure la Foresta Umbra. Centinaia di milioni di anni fa il Gargano era un'isola ricoperta completamente da foreste; quando si congiunse con la terraferma, formando il famoso "sperone d'Italia", mantenne comunque le sue caratteristiche isolane. Dell'immensa area verde che lo inglobava tutto rimase pero solo la Foresta Umbra.

Secondo alcune fonti, il nome deriverebbe da antiche popolazioni umbre che risiedevano all'interno della foresta, ma molto più probabilmente esso è dovuto al fatto che la vegetazione è cosi fitta da far passare appena i raggi del sole, per cui l'ambiente è cupo e pieno di zone d'ombra. La Foresta Umbra si trova nel cuore del parco e arriva fino a 832 metri di altitudine con il monte Iacotenente.

La molteplicità di specie botaniche include latifoglie, faggete e tante specie di flora nel sottobosco, soprattutto orchidee. Il suolo bruno della foresta è l'ideale affinché attecchisca la vegetazione. La sua particolarissima composizione proviene da un singolare processo degenerativo che può durare millenni e che coinvolge organismi quali larve e funghi, i quali si cibano fra l'altro di legname.

Infatti, nonostante i disboscamenti e gli incendi, la natura in questa distesa naturale è piu rigogliosa che mai. Il faggio è sicuramente l'albero che più rappresenta la foresta con le sue fronde fitte e omogenee. Anche la fauna e molto variegata. Fra le specie animali sono senz'altro da menzionare il capriolo garganico, erbivoro molto schivo tipico di questa zona, il tasso, il gatto selvatico e moltissime tipologie di volatili, fra i quali troviamo tante specie di picchi, alcuni predatori come il gufo reale e un'infinità di specie di passeriformi. Risulta facilmente immaginabile quanto sia preziosa la Foresta Umbra per tutti coloro che amano praticare il birdwatching o per tutti gli studiosi e amanti della fauna. La Foresta è molto frequentata anche da appassionati di fotografia naturalistica, i quali trovano in queste zone spunti per scatti davvero unici.